Archive for agosto 2011

Mastroianni e i paradisi perduti.

29 agosto 2011

“Secondo Proust, i paradisi migliori sono i paradisi perduti: è una frase giustamente famosa. Io mi permetto di aggiungere che forse esistono paradisi ancora più attraenti dei paradisi perduti: beh, sono quelli che non abbiamo mai vissuto, i luoghi e le avventure che intravediamo laggiù, non alle nostre spalle o nei paradisi perduti che ci riempiono di nostalgia, ma davanti a noi in un futuro che un giorno, forse come i sogni che si avverano, riusciremo a raggiungere, a toccare. Chissà, forse il fascino del viaggiare sta in quest’incanto, in questa paradossale nostalgia del futuro: è la forza che ci fa immaginare o illuderci di fare un viaggio e trovare in una stazione sconosciuta qualcosa che potrebbe cambiare la nostra vita. Forse uno smette veramente di essere giovane quando riesce solo a rimpiangere, ad amare, soltanto i paradisi perduti.”

Mai il globo terraqueo vedrà uomo più perfetto.
Splendido Marcello: che classe, che voce, che tutto.

Guardate Mi ricordo, sì, io mi ricordo: un piacevole documentario dove Mastroianni si racconta ripercorrendo la sua meravigliosa carriera cinematografica.
Mancano attori così, mancano davvero.

Annunci

Ultimi giorni in patria: molto caldo e poca fantasia.

25 agosto 2011

Forse sono i 36°C costanti di questi ultimi giorni che mi hanno mandato in pappa il cervello, o forse sono le molte (ma mai abbastanza!) feste triestine: fatto sta che non so proprio cosa raccontare. Anzi, il cosa lo saprei pure, è il come che mi sfugge.

Insomma, la pigrizia regna sovrana, siamo alle battute finali della mia meravigliosa (?) tesi di master (argomento: il Premio Sergio Amidei, e come potevamo esimerci?), e tra pochi giorni ritorno nella capitale.

E, fortunatamente, non sotto i ponti come temevo: udite udite, ho una dimora! Per un mese soltanto, ma ce l’ho (e no, non è né la casa A né la B). E dopo questo mese, vi chiederete voi? Ci sarebbe quest’idea di cercare casa assieme ad una cara compagna di corso, anche lei come me stagista in quel di Roma Nord.

Quindi, fedeli lettori (ma ci siete ancora?), stay tuned. Perché tra poco inizieranno le storie divertenti, se mai avrò tempo di scriverle: le mie disavventure nel delirio dell’ufficio stampa del Festival Internazionale del Film di Roma (ah perché, non ve l’avevo ancora detto?).

Totocasa agosto 2011: Prati vs. Sallustiano.

8 agosto 2011

Allora, la faccenda è questa: per mia immensa gioia mi trovo costretta a cercare di nuovo un alloggio in quel della capitale.
Arrivando dritti al sodo, la sfida finale è tra due case, ed è veramente ardua.

Casa A:
– stanza singola con letto singolo e divano letto singolo, grande armadio, scrivania, comodino, grande e luminosa;
– casa con ampio ingresso, tre stanze singole in tutto, cucina non molto grande ma carina (con piccolo balcone verandato), un bagno non molto grande;
– due coinquiline studentesse (con lavoretti annessi), ne ho vista una sola che sembrava molto carina;
quartiere Prati, zona piazza Risorgimento, posizione strategicissima;
problemi: non c’è internet (ma si può rimediare, no?).

Casa B:
– stanza singola con letto matrimoniale, armadio piccolo, scrivania piccola, comodino (e un altro problema che scriverò dopo);
– bagno personale;
– casa gigante, con soggiorno enorme, due stanze singole in tutto, grande cucina, terrazza sul tetto spettacolare;
– una coinquilina credo sulla trentina (o forse un po’ di più), lavoratrice;
quartiere Sallustiano, zona via Piave, strategica assai pure questa;
problemi: la stanza ha la finestra che dà sulla tromba delle scale, quindi poco ricambio d’aria e luce scarsissima; la coinquilina lavoratrice più grande potrebbe essere un limite per eventuali ospiti (ma chi può dirlo?).

I prezzi sono più o meno equivalenti (la casa B costa un po’ meno), entrambe sono al quinto piano con ascensore.
Home crisis piena, attendo con ansia consigli.